SUGI INPS: Sistema Unico Gestione Iban

Anticipo TFR/TFS: nuovo servizio per la gestione dell’iban

Sugi Inps, che cos’è e cosa sapere? L’Inps, con un messaggio del 16 febbraio 2022, ha comunicato l’avvio di una nuova procedura con cui i pensionati possono trasmettere il proprio codice iban per l’accreditamento del TFR/TFS. 

La decorrenza della circolare è quella del 21 febbraio 2022.
Il nuovo servizio prevede l’integrazione con i gestionali di pagamento dei trattamenti di fine servizio e dei trattamenti di fine rapporto al fine di acquisire direttamente dai pensionati i dati dell’IBAN sul quale sarà accreditato il TFS/TFR.

Questo servizio è necessario per il completamento dell’iter di lavorazione della pratica di TFS/TFR, al fine di consentire all’INPS l’erogazione della somma spettante al pensionato.

SUGI: è bene precisare che questo servizio INPS non ha nulla a che vedere con il finanziamento per l’anticipo TFS/TFR

Il Trattamento di fine rapporto (TFR) e il Trattamento di fine servizio (TFS), chiamato anche indennità di buonuscita o liquidazione, consistono in una somma di denaro che spetta al personale del settore pubblico e statale dal momento del pensionamento. 

Il TFR spetta al personale con incarico a tempo determinato in servizio al 30/05/2000 o assunto dopo tale data e al personale assunto dal 01/01/2001.

Il personale assunto prima del 01/01/2001, invece, ha diritto al TFS.  

I pensionati per ricevere la liquidazione della prestazione di interesse da parte dell’Inps,
quindi devono indicare l’IBAN sul quale ricevere il pagamento.

E’ possibile comunicare l’IBAN di C/C bancari, carte di credito prepagate (IBAN Area SEPA), di C/C postali e di libretti postali dotati di IBAN.
Il servizio online è conforme alle direttive in ambito Privacy ed è integrato con i servizi di verifica titolarità IBAN.

In caso di Anticipo Tfs nel sistema SUGI va indicato il codice Iban del pensionato e NON quello della banca.

Nel corso del tempo il pensionato può indicare più codici iban diversi nel caso in cui cambiasse idea su quale conto ricevere l’accredito o semplicemente cambiasse banca e conto corrente.

sugi sistema unico gestione iban
Sistema Unico Gestione Iban

SUGI: Il codice iban deve essere sempre intestato al richiedente

Il pensionato, quindi, può inviare più comunicazioni:
l’IBAN valido sarà sempre l’ultimo comunicato per la prestazione di interesse selezionata


In seguito all’invio della richiesta il pensionato può visualizzare mediante la funzionalità
“Visualizzazione Richieste Inoltrate” la ricevuta di protocollo in formato .pdf in cui vengono riportate tutte le informazioni inserite.

SONO VALIDI ANCHE IBAN ESTERI SECONDO QUESTE MODALITA’:

Di seguito gli stati che hanno aderito alla data di rilascio del nuovo servizio (21 febbraio 2022):

– 19 stati dell’Unione Europea che adottano l’euro come moneta unica, anche all’interno della propria nazione: Italia, Austria, Francia, Germania, Spagna, Portogallo, Paesi Bassi, Grecia, Irlanda, Finlandia, Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Slovacchia e Slovenia, Belgio.
– 8 stati dell’Unione Europea che effettuano i pagamenti in euro pur avendo una diversa moneta nazionale interna: Svezia, Danimarca, Polonia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania e Croazia.
– 9 stati che non appartengono all’Unione Europea, ma che hanno aderito al circuito unico per i pagamenti SEPA: Norvegia, Islanda, Svizzera, San Marino, Principato di Monaco, Città del Vaticano, Regno Unito, Andorra e Liechtenstein.


I campi IBAN italiano e estero (extra-Italia) sono alternativi. Per gli IBAN extra-Italia la lunghezza varia da un minimo di 15 caratteri ad un massimo di 34; gli IBAN italiani hanno lunghezza fissa pari a 27 caratteri.

In caso di IBAN errato, ovvero non formalmente valido (sia IBAN Italia che extra-Italia), il sistema visualizza il seguente messaggio bloccante:
Gentile Utente, il codice IBAN indicato per l’accredito della prestazione non risulta congruo.
La preghiamo di verificarne la validità ed effettuare nuovamente l’inserimento in procedura.
L’INPS è a sua disposizione per ogni chiarimento.”


Completata questa fase, il sistema visualizza la seguente avvertenza:
“Gentile utente, le ricordiamo che, affinché l’INPS possa perfezionare la liquidazione della prestazione richiesta, il codice IBAN del conto corrente o dello strumento finanziario sul quale sta richiedendo il pagamento della prestazione deve risultare intestato o cointestato a lei. L’INPS si riserva di effettuare le necessarie verifiche presso il suo Istituto emittente il conto corrente o lo strumento finanziario indicato nella presente domanda.”

Il tasto “Verifica IBAN” richiama un servizio che consente di visualizzare la denominazione della banca e la filiale dell’IBAN inserito.

Sistema unico Gestione Iban (SUGI Inps)

Domande frequenti (FAQ)

Di concreto cosa devo fare?

Il SUGI ai fini dell’anticipo TFS è irrilevante, puoi anche lasciare le cose così come stanno

Quale codice iban devo indicare?

Quello del pensionato, ovvero quello del titolare del diritto al TFS/TFR. Va bene anche un conto cointestato. Puoi indicare il codice iban sul quale vuoi ricevere l’accredito da parte dell’Inps.

Posso cambiare Iban nel corso del tempo?

Certo, puoi cambiare Iban tutte le volte che vuoi. Vale l’ultimo iban inserito.

In caso di anticipo TFS/TFR, da qualche parte va indicato anche l’iban della banca?

NO. La banca provvede a comunicare direttamente con l’inps e indica il proprio conto sul quale l’Inps restituirà i soldi che la banca stessa ti sta anticipando.

Quando è necessario comunicare il proprio Iban all’Inps tramite SUGI?

E’ sempre opportuno completare il processo il prima possibile. Diventa necessario quando, oltre all’anticipo del tfs da parte della banca, hai altre somme da ricevere direttamente dall’INPS.

Entro quanto tempo bisogna comunicare il proprio Iban all’Inps?

E’ opportuno farlo un paio di mesi prima che arrivi la scadenza dell’accredito

Di cosa ho bisogno per accedere al servizio SUGI?

Lo strumento più semplice è lo SPID.

Come vedere il TFS maturato sul sito INPS?

Il modo migliore è inserire una domanda di Quantificazione TFS. Il certificato di quantificazione tfs non ha scadenza e non è vincolante. Esistono dei tipi diversi di quantificazione. Clicca qui e scopri le differenze tra i due certificati di quantificazione tfs.

Da dove si accede al Sistema Unico Gestione Iban?

SI accede tramite il portale INPS.
Il link diretto è https://serviziweb2.inps.it › SugiWeb
Altrimenti nel motore di ricerca sul portale inps scrivi “SUGI” e segui le istruzioni.

21 Comments

Scrivi un commento, esprimi la Tua opinione, racconta la Tua esperienza o semplicemente fai una domanda...

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies. Accettare i cookie è indispensabile per un corretto funzionamento del sito
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy